marcomirra.it
BLOG DI DIVULGAZIONE SCIENTIFICA
SUL MONDO DEL DIGITALE E NON SOLO.
marcomirra.it
Cerca
Close this search box.

Terza guerra mondiale? Guardala in anteprima!

guerra

La SGS (Science and Global Seurity https://sgs.princeton.edu/the-lab/plan-a) aveva sviluppato già nel 2019 una  simulazione per un’escalation di terza guerra mondiale tra gli Stati Uniti e la Russia utilizzando posizioni, obiettivi e stime di mortalità reali. Una catastrofe vera e propria che si consumerebbe in una manciata di ore e che porterebbe ad una perdita stimata pari a  90 milioni di persone morte e un numero smisurato di  feriti, e i cui superstiti si ritroverebbero a fare i conti con una terra contaminata, in cui non ci sarebbe stato più nulla.

Un video di qualche minuto che lascia (soprattutto oggi), sconcerati e che dovrebbe far riflettere chiunque sulla velocità in cui cose e persone sarebbero annientate.  E’ paradossale ma vedendo il video quello che piu’ spaventa non è tanto una possibile terza guerra mondiale (se la simulazione è reale tutta sarà velocissimo) ma il lento stillicidio che potrebbe ingenerarsi prima che questa accada. Una sorta di agonia prima della fine. Quello a cui tutti aspiriamo (fermare la guerra) cosi come si evince dal video, non potrà  mai essere  il risultato dall’esito finale di questo conflitto. Non esisterà cioè un paese che vincerà sull’altro se comunque ognuno ha già “il colpo in canna” per una guerra nucleare. La solzione è creare i presupposti per fermare il conflitto e non alimentarlo.

 

Il video si basa su valutazioni indipendenti delle attuali posizioni delle forze statunitensi e russe.  Utilizza le informazioni reali sulle armi nucleari attualmente dispiegate, la loro potenza  e i possibili bersagli. La sequenza degli attacchi è stata stimata attraverso algoritmi specifici che ricalcano molto fedelmente la realtà.

Anche se si tratta di una simulazione risalente a 3 anni fa e visti i processi di continui armamenti nucleari che ci sono stati, purtroppo  questo non ci lascia pensare ad una possibile mitigazione degli effetti di una guerra. In nessun caso non ci sarà un vinto ed un vincitore, ma sarà solo desolazione e morte, e dove l’intera razza umana per la quantità di radiazioni che si spriggionerebbero si estinguerebbe o quasi.

Prendendo in prestito la risposta che diede Albert Einstein su come sarebbe stata la terza guerra mondiale rispose:”Non conosco le armi della terza guerra mondiale, ma solo quelle della quarta: sassi e bastoni”.

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO

Facebook
WhatsApp
articolo

ALTRI CONTENUTI

L’Intelligenza Artificiale verso una regolamentazione Europea. E gli altri?

L’11 dicembre 2023 segna un anno dall’approvazione dell’AI Act (regolamento sull’Intelligenza Artificiale), il primo regolamento al mondo sull’intelligenza artificiale. Proposto dalla Commissione europea nel 2021 e negoziato con il Parlamento europeo e il Consiglio dell’UE, mira a stabilire un quadro giuridico chiaro e uniforme per l’uso dell’IA all’interno dell’UE.

Read More »
Robot fatti di cellule umane “antrobot”

Un team di ricercatori dell’Università di Harvard ha realizzato i primi robot a partire da cellule umane. I robot, chiamati Anthrobot, sono costituiti da cellule della trachea e sono in grado di muoversi autonomamente e di assemblarsi in strutture più

Read More »
Chirico invito
E chi l’avrebbe mai detto?

Era l’estate del 2023, ma non una semplice estate: era “l’estate”! In quei giorni, il caldo torrido si alternava a giornate uggiose e a eventi meteorologici Sembra l’inizio di un romanzo, ma in realtà è un poò quello che accadde

Read More »