marcomirra.it
BLOG DI DIVULGAZIONE SCIENTIFICA
SUL MONDO DEL DIGITALE E NON SOLO.
marcomirra.it
Cerca
Close this search box.

Tecnologia CRISPR ossia il taglia e incolla del DNA. Un traguardo o l’inizio dell’apocalisse?

Sistema_CRISPR-Cas9

Negli ultimi anni, la tecnica di editing del genoma nota come clustered regularly interspaced short palindromic repeats (CRISPR) ha attirato l’attenzione di scienziati e del pubblico in generale. Questa tecnica utilizza un enzima chiamato Cas9 per tagliare specifiche sequenze di DNA e quindi apportare modifiche mirate al genoma applicabile in svariati ambiti ovunque ci sia DNA da modificare. Grazie alla sua precisione, efficienza e facilità di utilizzo, ha tutto il potenziale per rivoluzionare la cura delle malattie genetiche, la produzione di alimenti, la biologia sintetica e molte altre aree della scienza e della tecnologia.

Di fatto per farla facile si tratta di una sorta di taglia incolla del DNA (editing genetico) basato sull’utilizzo della proteina Cas9, che agisce come una forbice molecolare in grado di tagliare il DNA in una posizione specifica. Questo permette di rimuovere, sostituire o aggiungere segmenti di DNA al genoma dell’organismo. Il metodo CRISPR/Cas9 è stato sviluppato nel 2012-2013  ed è stato adattato alle cellule umane per modificarne il DNA (guarda il Video di RAI-Scuola).

Primo progetto concreto sull’uomo sarà quello di curare la Talassemia e malattie rare del sangue, perchè si tratta di malattie   caratterizzate da geni danneggiati, mancanti o difettosi. (link per per approfondire)

Tuttavia questa tecnica nasconde anche un pericolo reale, ossia la possibilità di modificare per sempre un patrimonio genetico, e quindi di trasmettere queste mutazioni alle generazioni future, con la conseguenza di trasformare interi organismi viventi. Quello che insomma fino a pochi decenni fa la filmografia ci propinava possibile in mega laboratori, in cui scienziati pazzi giocavano a fare miscugli ed esperimenti che davano vita a nuovi organismi, adesso è potenzialmente possibile. E’ sempre piu’ necessaria una vigilanza attiva delle istiuzioni e quindi  una severissima regolamentazione che faccia chiarezza sugli ambiti di applicazione di queste tecniche, che potenzialmente possono (è vero) risolvere i problemi piu’ opprimenti per la razza umana, ma anche predisporne l’estinzione.

 

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO

Facebook
WhatsApp
articolo

ALTRI CONTENUTI

SmartPhone WC

Nel nostra esistenza oramai abbiamo appurato che il nostro smartphone sembra essere diventato un compagno inseparabile. Talmente inseparabile da preferirlo anche come compagno  durante i momenti più personali, come una visita al bagno. Molti di noi sono consapevoli dei rischi

Read More »
L’Intelligenza Artificiale verso una regolamentazione Europea. E gli altri?

L’11 dicembre 2023 segna un anno dall’approvazione dell’AI Act (regolamento sull’Intelligenza Artificiale), il primo regolamento al mondo sull’intelligenza artificiale. Proposto dalla Commissione europea nel 2021 e negoziato con il Parlamento europeo e il Consiglio dell’UE, mira a stabilire un quadro giuridico chiaro e uniforme per l’uso dell’IA all’interno dell’UE.

Read More »
Robot fatti di cellule umane “antrobot”

Un team di ricercatori dell’Università di Harvard ha realizzato i primi robot a partire da cellule umane. I robot, chiamati Anthrobot, sono costituiti da cellule della trachea e sono in grado di muoversi autonomamente e di assemblarsi in strutture più

Read More »