Professori a scuola di coding

Non molto tempo fa mi sono imbattuto in un articolo del Corriere dal titolo intrigante ; “Prof a lezione di coding (per legge): ecco perché è così importante impararlo“. Nel dettaglio veniva spiegato che suddetto corso era necessario per avere sufficienti crediti formativi per i concorsi a cattedra, come illustrato nel nuovo decreto scuola. E’ ormai risaputo l’effetto sul cervello che un approccio ad algoritmi proposto dalla programmazione (anche se non si è programmatori), sviluppi un’ attitudine mentale con enormi risvolti sulle reti di connessione logica nel nostro cervello. Ma quello che mi meraviglia (ma piu’ di tanto non mi sorprende, vista l’obsolescenza dei programmi didattici) è la bassissima applicabilità nelle scuole come vera e propria materia di studio da proporre nei Piani di Offerta Formativa ai nostri ragazzi malgrado  piu’ volte emendato da specifiche circolari del MIUR. Perchè nel decreto si promuove cosi caldamente questo approccio nei confronti degli insegnanti (che lo ricordiamo è valido solo per fini concorsuali) come obbligo formativo  e non si pone in essere nelle scuole? In un articolo specifico spiego l’enorme potenziale che ha secondo dati convalidati da infiniti studi clinici e progetti specifici questo l’approccio di elaborazione delle soluzioni da adottare (vedi articolo:pensiero computazionale e coding). In uno scenario fantascientifico, pensiamo a quanto valore aggiunto in termini di materia grigia forniremmo ai nostri figli se già dai primi approcci con il mondo della scuola venissero posti in essere programmi specifici in ambito computazionale. Mi domando allora (non me ne vogliano gli addetti ai lavori) ma perchè insistere solo ed unicamente su metodi ormai arcaici di stimolare la logica ai nostri figli (matematica, fiscica, ecc..) e non intraprendere anche questo ulteriore approccio? Forse la risposta è proprio inserita nel nuovo decreto scuola. chi vivrà vedrà.

Fonte: https://www.corriere.it/scuola/medie/19_novembre_26/prof-lezione-coding-per-legge-ecco-perche-cosi-importante-impararlo-3bba4b88-0f90-11ea-bd6b-b9b6fa42a1a4.shtml

LEGGI ANCHE

Come fare video chiamate sicure, nel rispetto della privacy.

L’uso cosi massivo delle piattaforma di videochiamata e le varie possiblità offerte oggi dal mercato tutelano la privacy, o per un professionista che ne usufruisce lo espone a qualche rischio verso i propri clienti? Purtroppo si. Vediamo assieme perchè e come risolvere il problema.

Palestra per il cervello

Si dice che l’uomo non si sia estinto grazie alla sua capacità di adattamento al cambiamento. E se questo è vero, lo sapremo dopo questo periodo di quarantena forzata. Anche se in questo caso piu’ che di estinzione della specie, parlerei di possibile atrofia mentale.

Ancora girano siti http? Non è possibile !

Ebbene si. Anche se da Gennaio 2017 GOOGLE annunciava che al suo browser(CROME) i siti non HTTPs sarebbero stati indigesti, ancora ne girano in rete. Ma siamo sicuri quando ci navighiamo? Vediamolo assieme.

Internet dei sensi

Ogni sistema per funzionare ha bisogno di informazioni in entrata ed uscita. Perchè allora non utilizzare i nostri sensi come possibili device ? Ancora non è decollato IOT (Internet delle cose) e già si parla di Internet dei Sensi. Fantascienza? Non proprio..

Tutti i diritti riservati – Marco Mirra 2020 – Sitemap

Contatti