Microsoft: I dati di 250 milioni di clienti accessibili liberamente via WEB

Non si sa ancora se gli eventuali organismi di controllo GDPR alla mano prenderanno provvedimenti. Ma di certo all'immagine della Microsoft queste news non giovano, e soprattutto se i dati esposti fossero stati rubati, neanche ai clienti, possibili vittime di truffe

Notizia di queste ore, che per gravità e portata dei fatti farebbe tremare le gambe anche ai piu’ robusti. Ancor di piu’ perchè chi è al centro dei fatti è la Microsoft, azienda che dovrebbe “dare l’esempio”. 

I fatti

Microsoft ha esposto sul web i dati di quasi 250 milioni di clienti contenenti informazioni relative alle conversazioni tra gli operatori dei call center  e i clienti, e cosa ancora piu’ assurda  per tutto il periodo che va dal 2005 al dicembre 2019. Chiunque senza nessuna richiesta di autorizzazione poteva visionarli. 

Si chiude la stalla quando sono usciti già i buoi? 

Bella domanda!  Ad oggi non ci è dato sapere se i dati esposti possano essere suscettibili  ad eventuali sanzioni previste dal GDPR, ma di certo i dati cosi facilmente raggiungibili potrebbero essere stati carpiti da potenziali truffatori per raggiri e truffe. Di fatto, il poter fingere di essere tecnico Microsoft darebbe accesso ad una serie di informazioni che malevolmente possono essere estorte al malcapitato cliente. 

A quanto pare ci sono ancora indagini in corso da parte della Microsoft che comunque lo ricordiamo non contatta mail il cliente senza un’apertura di un ticket, e raramente lo fa telefonicamente o direttamente via mail, ma sempre l’apertura e gestione di un ticket online. 

Fonte ufficiale Microsoft: https://msrc-blog.microsoft.com/2020/01/22/access-misconfiguration-for-customer-support-database/


LEGGI ANCHE

Come fare video chiamate sicure, nel rispetto della privacy.

L’uso cosi massivo delle piattaforma di videochiamata e le varie possiblità offerte oggi dal mercato tutelano la privacy, o per un professionista che ne usufruisce lo espone a qualche rischio verso i propri clienti? Purtroppo si. Vediamo assieme perchè e come risolvere il problema.

Coronavirus e i sette capretti

Come mio figlio DOWN, ogni giorno mi insegna a non coprire con lo stucco della normalità le crepe delle mie debolezze, facendo di queste invece la vera unicità.

Palestra per il cervello

Si dice che l’uomo non si sia estinto grazie alla sua capacità di adattamento al cambiamento. E se questo è vero, lo sapremo dopo questo periodo di quarantena forzata. Anche se in questo caso piu’ che di estinzione della specie, parlerei di possibile atrofia mentale.

COVID-19 molto piu’ di un virus

Ma siamo veramente sicuri che questo virus non abbia già “infettato” il nostro modo di pensare? Forse non tutti i mali vengono per nuocere..

Ancora girano siti http? Non è possibile !

Ebbene si. Anche se da Gennaio 2017 GOOGLE annunciava che al suo browser(CROME) i siti non HTTPs sarebbero stati indigesti, ancora ne girano in rete. Ma siamo sicuri quando ci navighiamo? Vediamolo assieme.

Tutti i diritti riservati – Marco Mirra 2020 – Sitemap

Contatti