marcomirra.it
BLOG DI DIVULGAZIONE SCIENTIFICA
SUL MONDO DEL DIGITALE E NON SOLO.
marcomirra.it
Cerca
Close this search box.

Ma come fanno a sapere cosa mi piace? OBA (Online Behavioural Advertising)

Ogni volta che accediamo ad un sito e ci “muoviamo” in esso lasciamo una sorta di “orma” digitale, nella quale sono impresse tutta una serie di informazioni “preziose” per essere collocati e quindi profilati in maniera sempre piu’ precisa. Un mondo nel quale i nostri gusti, le nostre preferenze, il nostro stile di vita, ma anche il nostro stato di salute, i nomi dei nostri amici, e chi piu’ ne ha piu’ ne metta sono una miniera di soldi.

Ma perchè altri vogliono sapere i miei gusti?

Di certo ci è capitato di fare una qualsiasi ricerca in rete ed essere “assaliti” durante la navigazione in altri siti di spot pubblicitari pertinenti a cio’ che cercavamo poco prima o che piu’ frequentemente ricerchiamo in rete. Viene spontaneo chiedersi ma come sa il web cosa proprio ora mi serve o cosa mi attrae a fare click su un annuncio pubblicitario.

Ma chi fa la spia?

Protagonista incontrastato (ma non solo) come fornitore di informazioni sicuramente è il cookie. Righe di testo contenute in file di piccole dimensioni inviati da un server web (attraverso un sito web) a un browser impiegato per la navigazione online da postazione fissa o mobile. Per questo il Garante per la Privacy con il provvedimento generale sull’uso dei cookie datato 8 maggio 2014 ne ha regolamentato l’uso e obbliga il responsabile del sito ad informare chi vi naviga. In realtà, i dati raccolti dalle società di behavioural advertising sono trattati in modo aggregato, non sono cioè riconducibili a uno specifica persona (utente per queste aziende) ma solo a un profilo di consumatore.

Come fare una segnalazione?

Se vuoi fare una segnalazione relativamente a una pubblicità comportamentale online segui questi semplici passaggi per aiutarti a risolvere il problema:

Passo 1

1. La tua segnalazione riguarda il contenuto di un messaggio pubblicitario? Se è così, vai alla pagina dell’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria

2. Non vuoi ricevere la pubblicità comportamentale online? Visita la sezione domande frequenti .

3. Non riesci a disattivare la pubblicità comportamentale online o continui a riceverla? Visita la sezione di aiuto .
4. Hai domande sulle impostazioni sulla privacy del tuo browser? Se è così, vai alla sezione dedicata ai cinque principali accorgimenti.
5. Vuoi sapere di più sulla pubblicità comportamentale online? Se è così, visita la sezione domande frequenti.

Passo 2

Se hai ancora delle domande o desideri presentare una formale segnalazione, puoi farlo mettendoti in contatto con l’Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria .

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO

Facebook
WhatsApp
articolo

ALTRI CONTENUTI

SmartPhone WC

Nel nostra esistenza oramai abbiamo appurato che il nostro smartphone sembra essere diventato un compagno inseparabile. Talmente inseparabile da preferirlo anche come compagno  durante i momenti più personali, come una visita al bagno. Molti di noi sono consapevoli dei rischi

Read More »
L’Intelligenza Artificiale verso una regolamentazione Europea. E gli altri?

L’11 dicembre 2023 segna un anno dall’approvazione dell’AI Act (regolamento sull’Intelligenza Artificiale), il primo regolamento al mondo sull’intelligenza artificiale. Proposto dalla Commissione europea nel 2021 e negoziato con il Parlamento europeo e il Consiglio dell’UE, mira a stabilire un quadro giuridico chiaro e uniforme per l’uso dell’IA all’interno dell’UE.

Read More »
Robot fatti di cellule umane “antrobot”

Un team di ricercatori dell’Università di Harvard ha realizzato i primi robot a partire da cellule umane. I robot, chiamati Anthrobot, sono costituiti da cellule della trachea e sono in grado di muoversi autonomamente e di assemblarsi in strutture più

Read More »