Internet dei sensi

Ogni sistema per funzionare ha bisogno di informazioni in entrata ed uscita. Perchè allora non utilizzare i nostri sensi come possibili device ? Ancora non è decollato IOT (Internet delle cose) e già si parla di Internet dei Sensi. Fantascienza? Non proprio..

E’ grazie ad uno studio studio condotto da Ericsson ConsumerLab che si è potuto proiettare in un futuro non molto lontano, di quale potenzialità potremmo dotarci se senza nessun tipo di intermediazione (il nostro smartphone per capirci) è possibile interfacciasi con internet. Andiamo a scoprire allora quali sensi saranno coinvolti e come:

La mente.

Basterà pensare a qualcosa per poter vedere su visori magari posizionati davanti ai nostri occhi quello che cerchiamo.

La voce
Anche se ormai abbiamo fatto passi da giganti sull’elaborazione della sintesi vocale, sarà possibile interpretare in maniera sempre piu’ precisa lo stato d’animo 

Il Gusto

E’ grazie ad una serie di cellule collocate sulla lingua che possiamo definire la qualità del sapore di un alimento. Bene anche in questo caso sarà possibile agire proprio su i recettori del gusto “alterandone” la percezione, magari a favore di un alimento non molto gustoso. O magari capire in base alla quantità presente nel bolo alimentare presente nel cavo orale prima dell’ingestione di quali sostanze e in che misura sono presenti (zuccheri, conservanti, ecc..)

Olfatto

Anche qui come per il gusto, è possibile agire sui recettori dell’olfatto alterandone la percezione o identificare l’origine di un odore.

Tatto

Anche l’esperienza tattile sarà realistica grazie a interfacce che riprodurranno la superficie di un oggetto. Le nostra dita e il nostro corpo verrà a contatto con superfici corrispondenti magari ad oggetti fisicamente non presenti. Potrei percepire ad esempio, la superficie liscia o ruvida di un oggetto fisicamente lontano migliaia di kilometri.

Udito

Il passaggio da ciò che si ascolta, l’elaborazione del pensiero ed un eventuale comando sarà tracciabile e trasformato in un’azione. Ad esempio. Ascolto una musica che mi piace?  Mi potrebbe essere proposto la data ed il luogo a me piu’ vicino di dove farà il concerto l’artista che la sta eseguendo.

Ma come sarà possibile in termini pratici tutto ciò ?

Naturalmente dal pensiero all’uso attuale dei nostri sensi tutto passa attraverso il nostro cervello, coinvolgendo diversi centri ognuno preposto ad una specifica attività (vedi articoli correlati:https://www.marcomirra.it/tag/mente/). Sarà possibile intercettare queste informazioni per poi elaborarle e restituirle sotto forma di suoni, video, o qualsivoglia  informazione in output. 

LEGGI ANCHE

Come fare video chiamate sicure, nel rispetto della privacy.

L’uso cosi massivo delle piattaforma di videochiamata e le varie possiblità offerte oggi dal mercato tutelano la privacy, o per un professionista che ne usufruisce lo espone a qualche rischio verso i propri clienti? Purtroppo si. Vediamo assieme perchè e come risolvere il problema.

Coronavirus e i sette capretti

Come mio figlio DOWN, ogni giorno mi insegna a non coprire con lo stucco della normalità le crepe delle mie debolezze, facendo di queste invece la vera unicità.

Palestra per il cervello

Si dice che l’uomo non si sia estinto grazie alla sua capacità di adattamento al cambiamento. E se questo è vero, lo sapremo dopo questo periodo di quarantena forzata. Anche se in questo caso piu’ che di estinzione della specie, parlerei di possibile atrofia mentale.

COVID-19 molto piu’ di un virus

Ma siamo veramente sicuri che questo virus non abbia già “infettato” il nostro modo di pensare? Forse non tutti i mali vengono per nuocere..

Ancora girano siti http? Non è possibile !

Ebbene si. Anche se da Gennaio 2017 GOOGLE annunciava che al suo browser(CROME) i siti non HTTPs sarebbero stati indigesti, ancora ne girano in rete. Ma siamo sicuri quando ci navighiamo? Vediamolo assieme.

Tutti i diritti riservati – Marco Mirra 2020 – Sitemap

Contatti